Impianto di riscaldamento a pavimento Serpentine

Che cos’è ?

I classici termosifoni lavorano attraverso i moti convettivi dell’aria, questi sono installati nelle zone dell’abitazione che si desidera riscaldare.

L’aria riscaldata tende inevitabilmente ad alzarsi verso l’alto e di conseguenza a trasportare con se le particelle di polvere.

Creano quelle tipiche macchie nere che si possono trovare in corrispondenza dei caloriferi.

Macchie nere che sono polvere carbonizzata, e sono anche cancerogene.

Per risolvere il problema si utilizzano spesso gli umidificatori.

I riscaldamenti a pavimento rappresentano una soluzione a questa problematica, poiché differentemente dai termosifoni non producono spostamenti d’aria.

Questi sistemi che sono posizionati al di sotto della pavimentazioni, e agiscono tramite il principio dell’irraggiamento.

Sono posti sotto tutta la superficie del pavimento permettendo una distribuzione del calore migliore su tutta l’area dell’abitazione.

Come detto i sistemi a pavimento o serpentine non movimentano l’aria, questo li rende più igienici, dal momento che non mettono in circolo particelle di polvere.

Polveri che possono risultare dannose per chiunque soffra di allergie.

Apportano quindi non solo un risparmio dal punto di vista economico, ma anche un miglioramento generale della qualità dell’aria.

Schema riscaldamento a pavimento

Come funziona esattamente il riscaldamento a pavimento?

Questo è caratterizzato da un sistema di serpentine  posate dentro al massetto, in modo tale da aumentarne il rendimento termico.

Quando si attiva il sistema, all’interno di queste ultime passa dell’acqua ad una temperatura compresa tra i 29 gradi e i 35.

Il pavimento che lo ricopre è studiato in modo tale da consentire un’elevatissima diffusione termica.

Il massetto posto al di sopra delle serpentine infatti ha uno spessore di almeno 80 millimetri per consentire una buona irradiazione e quindi passaggio del calore.

Se il solaio è ben realizzato e quindi ben isolato tramite un sistema di pannelli isolanti, il calore sprigionato dalla pavimentazione non potrà fuoriuscire, sarà costretto dunque a distribuirsi all’interno della stanza.

Il risultato sarà un calore ben distribuito e una camera equamente riscaldata in ogni suo punto.

È quindi essenziale affiancare agli impianti  a serpentina dei sistemi di isolamento ottimali che consentano di trarre il meglio dal riscaldamento.

Teniamo comunque presente che con questo tipo di impianti non si va a riscaldare l’aria ma bensì tutte le superficie all’interno.

Lasciando in questo modo un ambiente fresco e pulito ma al tempo stesso ben temperato.

Posa riscaldamento a pavimento

Come viene effettuata l’installazione di questo sistema sotto la superficie della pavimentazione?

In primo luogo sarà necessario iniziare con una serie di verifiche atte ad assicurarsi che l’impianto possa essere installato senza difficoltà.

Vengono rimossi calcinacci e ogni residuo che possa risultare di ostacolo agli operai durante la lavorazione.

In secondo luogo si procede all’installazione dei collettori di distribuzione.

Questi vengono collocati ad una distanza di 20 centimetri dal pavimento all’interno delle cassette in lamiera presenti nella muratura.

Un altro fattore molto importante da tenere in considerazione è lo spessore del massetto che si trova tra le tubature e il rivestimento del pavimento.

Per consentire un’installazione corretta dell’impianto deve essere dello spessore di almeno otto centimetri.

In definitiva è importante assicurarsi che il massetto non sia ne di spessore eccessivo, ne troppo sottile, in entrambi i casi potrebbero verificarsi delle problematiche.

Dopo questo passaggio si procede finalmente alla posa dell’impianto di riscaldamento.

Il primo passaggio da effettuare è il posizionamento di una fascia perimetrale, dotata di un lato adesivo che ne facilita l’applicazione.

Va posato lungo il perimetro delle stanze, e in tutti i punti in cui il massetto può entrare in contatto con parti della costruzione.

Una volta terminata questa fase si passa al posizionamento dei pannelli di isolamento.

Solitamente questi vengono posizionati a partire da destra verso sinistra lungo il perimetro delle stanze.

Nel caso si stesse operando in stanze dalla forma rettangolare gli operai inizieranno la procedura da uno dei lati più lunghi.

Si passa quindi finalmente al posizionamento del circuito sul quale viene segnata la lunghezza progressiva prima dell’installazione per poi ripetere la misurazione al termine dell’installazione.

Si ottiene così, tramite la differenza di queste due lunghezze, la misurazione della lunghezza del circuito che è stato posizionato.

Infine si procede alla posa del massetto.

Pannelli solari e riscaldamento a pavimento, la combinazione perfetta.

La combinazione di questi due sistemi è davvero ottimale.

Consente in questo modo al sistema di agire durante tutto l’anno mantenendo l’abitazione calda di inverno utilizzando una fonte di energia naturale, il sole.

Ovviamente il solare può solo fare da generatore ausiliare di calore in quanto il sistema solare ad oggi non ha una tecnologia che ci permette di sopperire completamente ad altre forme di energia.

Sfrutterà in questo modo una fonte di energia rinnovabile e green, che consentirà di diminuire l’inquinamento e al contempo otterrai un risparmio dal punto di vista economico.

Dal momento che tutta l’energia prodotta è ovviamente, gratuita.

In aggiunta a questo risparmio e al rispetto dell’ambiente con l’installazione dei pannelli solari sono previsti degli incentivi Cantonali.

Viene infatti applicata una detrazione dei costi di installazione per incentivare l’utilizzo dei pannelli.

Per permettere ai pannelli solari di “collaborare” con l’impianto di riscaldamento a pavimento è necessaria l’installazione di un’altra serie di apparecchiature.

Come :

  • un collettore solare,
  • un serbatoio per l’acqua,
  • e un sistema che effettui una connessione.

Una connessione tra questi diversi tipi di componenti componenti e l’impianto di riscaldamento in modo tale da poterlo alimentare.

In questo modo sfrutterà l’energia solare per portare l’acqua alla temperatura prefissata.

Manutenzione Riscaldamento a Pavimento

Le serpentine


Questo tipo di interventi non rappresenta solo un risparmio economico relativo alla qualità e all’efficienza del riscaldamento, ma anche una prevenzione dal punto di vista della manutenzione.

Infatti il riscaldamento a pavimento non necessita di una grande quantità di manutenzione, a meno che non si verifichino dei guasti, nel quale caso sarà necessario l’intervento di tecnici esperti.

La sola manutenzione richiesta é la pulizia delle serpentine ogni 4 anni e la sostituzione dell’acqua demineralizzata ogni 2.

Il sistema di riscaldamento a pavimento funziona tramite delle serpentine che vengono posizionate sotto la superficie del pavimento.

Al loro interno durante il periodo invernale, viene immessa acqua riscaldata che rilascia calore nell’ambiente.

Nel periodo estivo, se si possiede uno di questi impianti, non sarà necessario ricorrere ad altri sistemi per il raffreddamento.

E’ possibile infatti far scorrere all’interno delle serpentine anche acqua fredda che rinfrescherà la camera.

Quali sono quindi le problematiche alle quali puoi andare incontro con questa tipologia di sistema per cui può essere necessario l’intervento di esperti?

Problematiche per cui è richiesta manutenzione da esperti

Una delle problematiche a cui è più facile andare incontro, per quanto comunque non altamente probabile, è la perdita d’acqua.

Queste si manifestano maggiormente a ridosso delle scatole al cui interno sono contenuti i collettori.

Per poter identificare e localizzare queste problematiche senza la necessità forzata di un intervento di rimozione della superficie del pavimento gli esperti possono adottare la tecnica della termografia ad infrarossi.

Tecnologia che permette di localizzare l’eventuale problema senza intervenire sulla pavimentazione, ovviamente prima di una completa occlusione delle serpentine.

Qui per maggiori informazioni PERIZIA TERMOGRAFICA PROFESSIONALE

Nel caso invece che l’impianto si intasi completamente sarà necessario demolire il pavimento.

Un’altra problematica che può essere riscontrata per la quale è necessario l’intervento di tecnici è la corrosione delle tubazioni.

L’acqua all’interno del sistema non viene cambiata mai e rimane la stessa per lunghi periodi di tempo, non è strano dunque che questo porti ad un processo di corrosione all’interno della tubatura.

Serpentine intasate

Un’ultima evenienza che può causare delle problematiche all’impianto di riscaldamento da pavimento è sicuramente quella dei depositi di fango o strato algoso che possono accumularsi con il trascorrere del tempo.

Tutte queste evenienze non sono rare, a maggior ragione se la qualità dei materiali usati per la realizzazione degli impianti è di scarsa qualità.

Nel caso che una di queste problematiche si verifichi, i malfunzionamenti che verranno riscontrati riguarderanno il tempo di raggiungimento della temperatura ideale.

Il sistema infatti non sarebbe più efficiente e impiegherebbe molto più tempo per permettere all’acqua di far raggiungere alla stanza la temperatura desiderata.

Per prevenire queste eventualità è buona norma sottoporre l’impianto ad una pulizia periodica.

Ovviamente, come detto anticipatamente, queste procedure possono essere effettuate solo tecnici esperti che utilizzano procedure e macchinari specifici.

Sottoporre l’impianto a questi trattamenti periodicamente e regolarmente permette di allungarne di gran lunga la vita e di mantenere sempre elevato l’efficienza del riscaldamento.

Pulizia Serpentine

Le procedure di pulizia e manutenzione dell’impianto di riscaldamento a pavimento vengono effettuate dai tecnici attraverso il ricambio dell’acqua presente nell’impianto nel quale verranno aggiunti alcuni additivi e prodotti che diminuiranno l’accumulo di alghe.

Tutto ciò però dopo una corretta disincrostazione degli strati già presenti tramite il sistema ad acqua pulsata Alfa-Idropuls.

In caso di perdita è necessario come prima mossa da effettuare localizzare dove è situata.

Questa è un’operazione effettuabile solo da parte di idraulici specializzati in quanto può avvenire sia a livello dei collettori che a livello delle tubazioni, caso molto peggiore.

I tecnici infatti si occuperanno in primo luogo di verificare il corretto funzionamento dei collettori e di intervenire nel caso la problematica venga localizzata.

In caso contrario procederanno utilizzando la tecnica della termografia, di cui abbiamo già parlato, per localizzare in modo preciso la perdita al di sotto del pavimento e dove intervenire in maniera meno invasiva possibile.

Una volta verificata la posizione della perdita inizia una fase in cui i tecnici ragionano e organizzano un piano d’azione per porre rimedio alla problematica nel modo più rapido possibile.

Uno dei tentativi che viene effettuato più spesso per tentare di ridurre veramente al minimo gli interventi da effettuare sulla perdita consiste nell’utilizzo di prodotti auto sigillanti.

Questi prodotti, una volta immessi nell’impianto, troveranno autonomamente il punto esatto della perdita per poi sigillarlo.

Un’altra problematica nella quale può incappare il sistema di riscaldamento a pavimento è la presenza di bolle d’aria.

Anche in questo caso ovviamente per eseguire una corretta riparazione sarà necessario l’intervento di tecnici esperti.

In primo luogo questi interverranno identificando la zona in cui si deve agire ed isolandola dal resto dell’impianto.

Una volta identificata ed isolata i tecnici proseguiranno rimuovendo l’attuatore e collegando un tubo flessibile alla valvola del collettore.

Viene aperto il rubinetto dell’acqua.

Acqua nuova a quel punto si riversa all’interno del sistema, spurga la vecchia portando alla fuoriuscita di tutte le bolle d’aria presenti.

Le bolle d’aria saranno così rimosse e sarà possibile spegnere le valvole e scollegare il tutto.

PS: Se hai domande, dubbi o necessiti di aiuto di qualunque tipo per il tuo impianto di riscaldamento, siamo qui per offrirti la miglior assistenza possibile.

In caso di necessità vai su scaldaserpe.ch e un Tecnico ti aiuterà con tutte le informazioni che ti servono per avere un quadro generale riguardo al tuo sistema di riscaldamento.

Clicca qui per votare!
[Total: 1 Average: 5]

Alessio Felicetti
Alessio Felicetti

Specialista in Impianti di Riscaldamento, manutenzione e gestione impianti

Lascia un commento

Your email address will not be published.